Voglio il nome

Come si chiama? Come si chiama quella cosa che ti prende dentro, proprio al centro della cassa toracica, quando vedi qualcuno, nei film, che si ama così tanto e tu ne vieni quasi investito, come se fossi un granello di sabbia affogato dall’improvvisa marea? Provi una cosa bellissima dentro, dentro,  che più dentro non si può, ma tu sai che non è un “dentro” fisico. Sorridi, felice. Ti dici: “Marò ma che bella cosa sto vedendo… marò, ma come fa tutto questo ad essere così bello che quasi ti fa male?” E MAI MAI MAI sappilo, proverai invidia o gelosia. MAI proverai il desiderio di distruggere quella cosa bellissima per averla solo per te. Vorresti seguirli. Vorresti stare là, invisibile, a continuare a “vivere da fuori” questa cosa bellissima sapendo che ti continuerà a dare bellissime emozioni. Vedi questa cosa meravigliosa e sai di farne parte perché la stai vedendo, ne sei testimone. Ne sei parte, anche se non integrante, ma ne sei parte, e ne sei felice; non vuoi essere lei, non vuoi avere lui, non vuoi vivere quella storia, non vuoi quei baci o quelle carezze. Non vuoi provare quelle emozioni con un altro uomo o un’altra donna. Non vuoi niente. Vuoi solo STARE dentro quella cosa bellissima per sempre. Vuoi solo che, da qualche parte, qualcuno o qualcosa ti possa confermare che esiste davvero. Che DAVVERO ci si può amare così e che le cose belle non devono finire per forza a tarallucci e merda. E pensi che non è possibile che non esista perché, se tu la vedi, la vivi, la provi, la “senti”, vuol dire che esiste e che allora c’è e puoi stare felice. Come si chiama? Come si chiama questa cosa? Come si chiama questo sentimento di gioia e tristezza annodati assieme; di felicità e dolore avvinghiati; di malinconia e allegria impastati; di sollievo e paura intrecciati; di voler andare e voler restare inchiodati là, tra le pieghe della tua anima che, sperduta e affranta, pensava di averle viste tutte e di non avere più alcuna speranza? Come si chiama? Come si chiama questa cosa che, imperterrita, con coraggio, vaga negli anfratti del mio cuore stanco e deluso?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...