Aulin ed Eleonora

Lui si faceva chiamare Aulin. Lei si faceva chiamare Eleonora. I nomi sono importanti. Abitavano centinaia di chilometri lontano. Mai s’incontrarono. Lui non lo sa ma lei gli sarà sempre grata per averle fatto conoscere Keith Jarrett e il Koln Concert. Lei non lo sa ma lui, spesso, pensa a lei, soprattutto quando ascolta Keith Jarrett che suona il Koln Concert. Si conobbero molti anni fa su una chat di gente che faceva finta di voler solo conoscere amici parlando dell’Italia ma poi, invece, s’incontrava online per fare cyber-sex. Lui stava per sposarsi. Lei era già sposata. Le ragioni le sanno solo loro. O, forse, non c’è  bisogno di ragioni per fare ciò che ti senti di fare, se non danneggi nessuno. E poi, chi decide cosa è danno e cosa non lo è? Che s’è bravi  tutti ad esser giudici con i danni degli altri. Lei era brava. Lui era bravo. Ci vuole bravura a farti provare “quelle cose” senza mai vedersi davvero, toccarsi, odorarsi, ascoltarsi. Empatia? Filo rosso? Unione mentale? Non era importante… Lei lo portava lontano con le parole che gli sussurrava attraverso il microfono del computer. Lui le insegnava cose che nessuno le aveva mai insegnato. “Dopo”, lui diceva, “ascoltiamo Keith Jarrett abbracciati?” E lei rispondeva: “Sì, ma mettiamoci a cucchiaio, che a me piace stare a cucchiaio dopo aver fatto l’amore”. Già… l’amore… Mai si dissero “ti amo”. Restavano là, su due letti separati da centinaia di chilometri, con le lenzuola arravogliate tra le gambe madide di sudore solitario, a raccontarsela per ore ed ore, ridendo, scherzando, parlando perfino di lavoro e dei desideri irrealizzati che s’erano persi, ormai, le pieghe sgualcite di quelle stesse lenzuola. Lei provò due o tre volte a non sentirlo più. Una di quelle volte fu quando lui tornò dal viaggio di nozze dicendo che durante la cerimonia, davanti al prete, aveva pensato a lei chiedendosi se davvero volesse sposare la donna che stava entrando in chiesa in quel momento. L’altra fu quando lei iniziò ad amare il Koln Concert. Lui la cercava nella chat, incessantemente, nonostante tutto. La terza fu quando le disse che stava per diventare padre. La terza, funzionò. Certi danni, no.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...