Più cozza per tutti

Nell’impepata di cozze ci mettiamo lo Chardonnay. Non per essere fighi, ma perché lo beviamo da quando prendiamo la padella, fino a quando la laviamo. Perciò, con tutto il rispetto per il vino da cucina: NO grazie. Dunque: aprire lo Chardonnay, versarne, sorridere e bere pensando che la vita è, nonostante tutto, bella. Siete arrivati dove siete, complimentatevi con voi stessi. Altro sorso mentre le prendete dal frigo che avete riempito di spesa. Non pensateci alla spesa che è sempre più stancante farla. Che vorreste qualcuno che v’aiutasse, a volte, a caricare, scaricare, portare su, giù… e non solo i pesi materiali ma, magari, anche quelli dell’anima. Vabbè, è durata poco: la vita è ‘na merda. N’altra sorsata, dai. Padella spaziosa: le valve devono avere posto per allargarsi. La nostra impepata sarà semplice. Nulla di quelle ricette di Porta Capuana. Semplice è meglio. Il pane fragrante lo userete solo per inzupparlo nell’acqua delle cozze che è a dir poco orgasmica. Aglio, olio, cozze, vino, pepe e prezzemolo. In questa ricetta c’è saggezza infinita. Non pensate alle cose del cuore. Non pensate che forse fu in una di queste serate di cozze, che si litigava per tutto, che diceste che prima o poi ve ne sareste andati urlando che non se ne sarebbero manco accorti perché erano troppo concentrati a guardare dall’altra parte. Osservate il bicchiere di vino. Dondolate il calice ammirandone le bollicine. Sospirate pensando che a volte le cose sono talmente chiare che molti di noi si voltano dall’altra parte non perché non le vedono… ma proprio per non vederle. Succede. Voi smettete di lottare per loro, per voi, per il “noi”. Loro pensano che vi siete calmati. Invece è iniziato il viaggio d’andata senza ritorno. Può succedere a tutti. C’è gente che resta accanto ad altra gente tutta una vita, fisicamente, ma se ne è già andata da anni. Vabbè… Per l’impepata sono obbligatori prezzemolo e limone. Perché le cozze contengono ferro. Perché senza la vitamina C del prezzemolo e del limone quel ferro non si ferma nel corpo per darci la forza di cui necessitiamo. Ecco. Le persone forti nell’anima che mancano di ferro nel corpo devono mangiare più cozze. E basta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...