Destinazioni meravigliose

Amadeus ha detto le due parole e lei se l’è segnate sul quadernino perché poi le deve dire al telefono alla nipote che sta lontano. A una certa età bisogna segnarsele le cose. A 85 anni bisogna segnarsele più spesso degli altri. La figlia a volte dice scherzosamente che ha la calligrafia da gallina. È brava sua figlia. Viene una volta alla settimana a portarle la spesa. E poi c’è anche il figlio, ma quello chiama solamente, non viene mai a casa. I figli maschi sono un vuoto a perdere, pensa Maddalena. Le figlie femmine, invece, sono un investimento per la vecchiaia. Qualche giorno fa, o era qualche settimana fa? A una certa età perdi pure cognizione del tempo. Vabbè, non si sa quando, ha visto un’intervista alla televisione di una poetessa che non si ricorda come si chiamava. Era una signora milanese ch’era stata internata in un manicomio. Ne aveva passate di tutti i colori. Diceva che la cosa più brutta che si possa fare è abbandonare i propri genitori. Che lei, quando era nel manicomio, ne ha visti di vecchi entrare in piedi e uscire distesi, morti di disperazione perché i figli non andavano più a trovarli. Sua figlia, invece, è troppo brava. Certo, ha un carattere di merda, ma è proprio brava. Sulle figlie ci si può contare. Anche quando sono giovani. Maddalena prende la tazza di latte riscaldata nel forno a microonde e ci schiaffa dentro tre cucchiai di Nesquik più uno colmo di zucchero, sorridendo come una bimba che sta rubando le caramelle. E quando poi ci puccia dentro le friselle, ah, Padre Nostro che sei nei cieli, le cose semplici che ci rendono felici. Sì, a 85 anni non è facile vivere da soli, ma lei è fortunata. Non lo è stata da giovane. I giovani dovrebbero vivere la vita da giovani. Quando si è giovani è il percorso ad essere importante. Ma una volta che s’invecchia ciò che conta di più è la destinazione. Il suo percorso è stato un campo minato. Non riusciva nemmeno ad immaginarla la destinazione. Ma ora che sta guardando il commissario Montalbano, sospira felice pensando che, alla fine, la sua destinazione è meravigliosa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...