Stare fermi

A un certo punto bisogna chiedere scusa. A una certa, come dicono i giovani d’oggi, bisogna proprio fermarsi, fare mente locale, mettere in un cassetto tutte le accuse, le recriminazioni, le colpe, le ragioni, il giusto, lo sbagliato e chiedere semplicemente scusa. C’è gente che non lo sa, ma ha bisogno di sentirselo dire perché, davvero, qualcuno gli ha fatto del male (inconsciamente o no, è irrilevante) e bisogna chiedergli scusa. Se poi le accettano le scuse, pure quello è irrilevante. È importante, però, che chi chiede scusa sappia, dal fondo del cuore, che è così che bisogna fare in quel momento perchè altro non si può e deve fare. Come fai a capire che devi chiedere scusa? Lo capisci quando dall’altra parte c’è un cane che ringhia e azzanna anche se tu, invece del bastone, hai in mano un pezzo di carne succulento. C’è gente che non vedrà mai il pezzo di carne succulento. C’è gente che, per quanto tu cerchi di fargli vedere che è davvero solo ed unicamente un pezzo di carne trasferendolo in padella, nel piatto, in una guantiera, sulla brace, sotto la luce, davanti al sole, vedrà comunque e nonostante tutto, solo un minaccioso bastone. E ringhieranno e ti morderanno anche se tu cerchi di accarezzarli. Perché? Non lo so. Ognuno ha il suo perché. Ognuno ha il suo pezzo di carne che qualcun altro gli porge e invece d’addentarlo e goderne delle proprietà nutritive, morde la mano che glielo porge temendo d’essere bastonato. È come se avessero annullato per sempre tutti i loro sensi. La vista, l’olfatto, il gusto… tutto sparisce davanti alla paura d’essere bastonati di nuovo. E tu devi stare fermo, allora. Anche se qualcuno, quello stare fermo, l’interpreterà sicuramente come essere atarassici tu, ancora di più, devi stare fermo senza fiatare. Che non è vero che sei imperturbabile, insensibile e indifferente a qualsiasi accadimento. Non è che se casca il mondo tu ti sposti a destra, freddamente, e ti sporgi solo un pochino per vedere il tonfo che fa. È solo che sai che devi stare fermo. E devi stare fermo, più di tutto, quando quel pezzo di carne che stai porgendo è il tuo cuore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...